Italia Nostra

Italia Nostra è nata nel 1955 dalla volontà di un piccolo gruppo di persone, contro un nuovo sventramento del centro storico di Roma. Da oltre quattro decenni le attività di volontariato culturale organizzate da Italia Nostra hanno contribuito a diffondere nel Paese la “cultura della conservazione” del paesaggio urbano e rurale, dei monumenti, del carattere ambientale delle città.

I “beni culturali”, l’evoluzione naturale e storica, i centri storici, la pianificazione urbanistica e territoriale, i parchi nazionali, l’ambiente, la questione energetica, il modello di sviluppo del Paese, la viabilità e i trasporti, l’agricoltura, il mare, le coste, le isole, i musei, le biblioteche, gli archivi storici: questi sono alcuni dei capitoli più importanti dell’attività capillare di Italia Nostra, spesso sostenuta da una ricerca approfondita e documentata da una vasta pubblicistica che oggi costituisce patrimonio unico e insostituibile a disposizione del Paese.

Italia Nostra protegge i beni culturali e ambientali.

Il nostro compito non si esaurisce nel salvare dall’abbandono e dal degrado monumenti antichi, bellezze naturali o opere dell’ingegno; Italia Nostra persegue un nuovo modello di sviluppo, fondato sulla valorizzazione dell’inestimabile patrimonio culturale e naturale italiano, capace di fornire risposte in termini di qualità del vivere e di occupazione.

La sezione Italia Nostra Medio Valdarno Inferiore ricostituita formalmente nel 2004 a Fucecchio, si propone la tutela, la difesa e la valorizzazione del patrimonio storico artistico e paesaggistico, con particolare riguardo verso l’area del Medio Valdarno Inferiore. I Comuni di competenza della sezione sono: Fucecchio, San Miniato, Santa Croce sull’Arno, Castelfranco, Empoli, Montopoli e Santa Maria a Monte. Tra le iniziative più importanti ricordiamo: l’intervento per la salvezza dei boschi delle Cerbaie; l’impegno assiduo sulle questioni urbanistiche e culturali nei centri storici; la stampa di un bollettino periodico con le principali tematiche ed emergenze culturali e ambientali; la partecipazione alle varie manifestazioni locali; l’organizzazione del Concorso fotografico Il paesaggio toscano come era/come è “Focus sul Medio Valdarno inferiore” seguito da una mostra itinerante e di un concorso per le scuole “C’era una volta..” il paesaggio del nostro Valdarno tra storia e attualità, con il patrocinio dei Comuni del Valdarno e gli incontri a tema itineranti sulle principali questioni e urgenze urbanistico-ambientali.

Contatti

Segretario Giovanni Malvolti
giovanni.malvolti@virgilio.it
3281289087

I commenti sono chiusi.